Incendio sui canneti “a volte è impossibile intervenire, bisogna attendere l’esaurimento del combustibile”

Ieri sera gli uomini dei Vigili del Fuoco sono stati impegnati in forze, fino alla mezzanotte circa, per fronteggiare un incendio con fiamme difficili da controllare (LEGGI).

Sul posto 6 mezzi dei vigili del fuoco  di cui 3 del Distaccamento di Alghero, 2 provenienti da Porto Torres e 1 da Sasssari, 2 pattuglie della polizia e una pattuglia di carabinieri. Nonostante tutto nella fase più energica dove le fiamme non solo hanno divorato le canne ma anche gli arbusti della zona, gli uomini, deputati al controllo hanno dovuto monitorare la zona perchè l’intervento di spegnimento si è dimostrato poco percorribile. Il fuoco appiccato al canneto, in prossimità del Rio Filibertu non lascia dubbi sull’origine.

Di seguito il parere autorevole di un operatore specializzato nel settore: “Quando prende fuoco un canneto sprigiona una tale temperatura tale da rendere impossibile l’ intervento di spegnimento da terra, solo i mezzi aerei come elitanker e Canadair sono in grado di affrontare tali eventi. L’ inverno il pericolo di propagazione ad altra vegetazione al di fuori del canneto e molto basso, appunto perché le canne bruciano anche se verdi mentre altri tipi di vegetazione se non secca, attenuano la combustione. Nei casi di incendi di canneti si attende l’ esaurimento del combustibile per l’ impossibilità di intervenire, il danno maggiore lo subisce la fauna acquatica che si annida e vive fra i canneti, vienevsguarnita la protezione e distrutto l’ habitat ideale per gli uccelli che vivono nei fiumi e nelle paludi. Le statistiche insegnano che gli incendi dei canneti sono una conseguenza dell’ incuria della pulizia degli alvei da parte degli enti preposti, provincia e genio civile a causa della mancanza di fondi a queste operazioni dedicati, viene appunto posto fuoco per cercare di ridurre l’ ingombro della vegetazione che in caso di piogge abbondanti riduce il deflusso delle acque. Oggi tale operazione con tali condizioni di vento, ha creato un putiferio ma di fatto hanno preso fuoco solo canne e qualche pianta di eucaliptus radicata molto vicino al fiume”