Lina Bardino e Giovanna Caria: “le sostenitrici Bruniane perdono la bussola”

Di seguito la nota stampa di Lina Bardino e Giovanna Caria (Direttivo Forza Italia-Alghero) in risposta a quella delle assessore e consigliere di maggioranza di sinistra-centro a sostegno di Mario Bruno. “Hanno scritto delle nefandezze al fine di inventarsi una difesa d’ufficio dell’assessore Angela “Lalla” Cavazzuti. A nostro avviso, ma anche per gli algheresi, il peggiore assessore ai Servizi Sociali di sempre”.

“E’ evidente che l’assenza di argomentazioni lascia spazio alla denigrazione dell’avversario politico, come in occasione della scomposta esternazione a firma dell’assessore Angela “Lalla” Cavazzuti all’interrogazione dell’On. Marco Tedde. Si spera sempre di aver raggiunto il fondo, ma così non è, purtroppo. Mai, si poteva pensare, infatti, che i signori amministratori, per bocca delle sue rappresentanze femminili arrivassero al punto di travisare artatamente la replica – dura quanto necessaria e, comunque, confinata nell’ambito della critica politica – fino a crearne un inesistente caso sessista.

Siamo convinte – e lo si ribadisce- che gli scarsi risultati ottenuti in questi mesi di assessorato della Cavazzuti, siano sintomatici di una sua inadeguatezza in ambito amministrativo già accertato in altre sedi, ma ciò nulla ha a che fare con il suo essere donna, né alcun riferimento in tal senso è mai stato fatto. Perciò imbarazza davvero che tale animosità provenga da consigliere c.d. di sinistra che, in altre circostanze, hanno preferito un vile silenzio, se non l’indifferenza, rispetto agli attacchi subiti dalla consigliera Pulina da parte di noti rappresentanti del sesso maschile durante le sedute del Consiglio comunale. Il che induce a pensare che anche la lotta per la parità di genere finisca poi per piegarsi alle logiche partitiche.

Ebbene, riteniamo che sarebbe stato opportuno optare per un silenzio dignitoso, questa volta, evitando ulteriori cadute di stile in un contesto già fortemente gravato da prese di posizione di poca sostanza e di cattivo gusto di ogni genere finalizzate unicamente a nascondere fallimenti e occupare i media”.