Proseguono i tagli nel bosco di Arenas?

Con nota prot. n. 8288 del 18 aprile 2018 la Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, dopo un sopralluogo svolto insieme ai Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale, sospese un ampio intervento di taglio boschivo risulta in corso di esecuzione nel bosco di Arenas – Canale su Fridu, nell’area mineraria di Tiny – Arenas, in Comune di Fluminimaggiore (SU).

I lavori, infatti, erano sprovvisti di autorizzazione paesaggistica. Erano, quindi, abusivi.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus, ricevuta una documentata segnalazione relativa ai tagli boschivi, aveva inoltrato (21 aprile 2018) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti rivolta alle autorità competenti.

Tuttavia, recentissima nuova segnalazione, fa supporre una continuazione del taglio boschivo.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha, quindi, nuovamente inoltrato (10 giugno 2018) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti per verificare la legittimità dell’operazione, coinvolgendo il Ministero per i beni e attività culturali, il Servizio tutela del paesaggio di Cagliari della Regione autonoma della Sardegna, la Soprintendenza per archeologia, belle arti e paesaggio di Cagliari, il Servizio valutazioni ambientali della Regione autonoma della Sardegna e il Nucleo tutela patrimonio culturale di Cagliari dei Carabinieri.  Informata la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari.

L’area è tutelata con vincolo paesaggistico (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e rientra nel sito di importanza comunitario – S.I.C. “Monte Linas – Marganai, ai sensi della direttiva n. 92/43/CEE sulla salvaguardia degli habitat e semi-naturali, la fauna e la flora.

In ogni caso, tale intervento dovrebbe essere attuato con le necessarie attenzioni e cure nei confronti dell’avifauna nidificante negli alberi oggetto di taglio, al fine di prevenire un abbandono dei nidi da parte delle specie coinvolte (direttiva n. 09/147/CE sulla salvaguardia dell’avifauna selvatica).

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus auspica rapidi controlli per la verifica della legittimità dell’intervento di taglio boschivo e l’adozione degli opportuni provvedimenti di legge nell’eventuale caso di assenza delle necessarie autorizzazioni amministrative. In proposito, ha segnalato alla magistratura l’eventualità di adozione di provvedimenti cautelari.

Per il Gruppo Roma d’Intervento Giuridico onlus firma la nota Stefano Deliperi