Sanita’, Tedde “mancano farmaci e dispositivi sanitari”

Nota stampa del Vice Capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde (Fi) sulla mancanza di famaci e dispositivi sanitari,  “da un anno l’AOU di Sassari ha una task force pagata dai sardi per far fronte alla carenza di medicinali. Ma i farmaci continuano a mancare”

Interrogazione di forza italia: Da troppo tempo i ricoverati sono costretti a portarsi da casa le medicine. Mancano anche garze, siringhe, cannule, e altri materiali sanitari essenziali per qualsiasi presidio sanitario. Una questione affrontata dal Vice Capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale Marco Tedde, che a maggio dell’anno scorso aveva presentato un’interrogazione rimasta senza risposta. L’ex Sindaco di Alghero ritorna oggi sull’argomento con un nuova interrogazione. “Per risolvere il problema l’AOU di Sassari ha istituito circa un anno fa una task force. In questo anno però la situazione non è cambiata. Nei presidi che fanno capo all’AOU di Sassari continuano a mancare famaci, medicinali, materiali sanitari e attrezzature. In compenso gravano sui sardi i costi derivanti dall’istituzione della task force, avvenuta appunto un anno fa, che da allora non ha fatto altro che procedere ad assunzioni di figure di dubbia utilità senza migliorare le forniture di medicinali e farmaci che continuano a essere carenti. L’Amministrazione Regionale da me sollecitata con un’interrogazione del maggio scorso – precisa il consigliere regionale algherese – non ha ancora replicato, lasciando irrisolto un problema che non è circoscritto ai presidi che fanno capo all’AOU di Sassari ma che riguarda l’intero sistema sanitario del sassarese. Ma questa è la politica alla quale il PD ed il centro-sinistra ci hanno abituati. Non solo non risolvono i problemi ma ne creano di nuovi generando oneri e costi che saranno i sardi a pagare. Con l’ennesima interrogazione ho chiesto al Presidente Pigliaru – conclude Tedde – di fornirmi i dati relativi ai risultati raggiunti dalla task force e cosa intendano fare in quest’ultimo anno di legislatura per far in modo che gli ospedali del sassarese abbiano farmaci e medicinali e che quindi possano svolgere le attività sanitarie per le quali esistono: curare i sardi.”.